Elezioni regionali: a Siracusa spopolano i Cinque Stelle

Siracusa ha dato un netto taglio con il passato, molto più di altre province. Cambia, infatti,  in maniera radicale la sua rappresentanza politica all’Ars. La provincia si risveglia pentastellata nella consapevolezza del voto espresso. Un vero e proprio tsunami, di cui si avvertiva l’arrivo, che fa affondare il Partito Democratico, dove si salva solo Cafeo. I nuovi deputati regionali sono Stefano Zito del Movimento Cinque Stelle con oltre 18mila preferenze, un vero e proprio plebiscito, oltre a Giovanni Cafeo  del Pd  con 7.404; Rossana Cannata di Forza Italia con 6836; Pippo Gennuso per Popolari e autonomisti  con 6557 e Giorgio Pasqua, anche lui del M5S che ha ricevuto 5.439. Solo sfiorato il seggio per l’Udc, con Nicki Paci (Udc) prima dentro e poi fuori in un saliscendi di percentuali e resti. Restano esclusi nomi eccellenti come quelli di Bruno Marziano, assessore regionale uscente, ed Enzo Vinciullo, presidente della commissione bilancio dell’Ars. Bocciati anche Sorbello e Coltraro. Grande amarezza soprattutto da parte di Enzo Vinciullo. Buona la sua performance personale, vicina al risultato di 5 anni fa. Ma a penalizzarlo è la lista di Alternativa Popolare che non ha raggiunto il 5% a livello regionale. A “tradire” sono stati i centristi siracusani, l’accusa di Vinciullo. Mentre Marziano in una nota ufficiale punta il dito contro l’area geografica tra Lentini-Carlentini-Francofonte dove maggiormente si è determinato il divario con il concorrente di partito, grazie anche al ruolo  del sindaco di Carlentini che avrebbe reagito alla sua esclusione dalla Lista del Pd ed al quale i rappresentanti di un’area politica interna del Pd, secondo quanto riferito nella nota da Marziano, avrebbero garantito futuri incarichi come compenso del suo impegno a favore di uno dei candidati della lista. Si apre dunque un nuovo scenario politico, non tra poche polemiche.

Elezioni regionali: a Siracusa spopolano i Cinque Stelle

| News |
About The Author
-