Modica – E’ sempre polemica sulla Tassa di Soggiorno

Approvati a maggioranza dalla civica assise modicana,  diciotto debiti fuori bilancio e  la variazione di bilancio 2017/2019 per l’anno 2017 relativa al progetto MAS (Modica Art Sistem). L’adozione dei punti è avvenuta nella seduta di secondo appello con i soli consiglieri di maggioranza tranne per il punto relativo alla variazione di bilancio MAS dove era presente alla votazione il consigliere di minoranza, Alessio Ruffino. Durante il consiglio il presidente Garaffa ha annunciato la convocazione di un consiglio comunale aperto, chiesto dall’Anffas, per il 3 dicembre prossimo,in occasione della giornata mondiale della disabilità; poi informa dell’arrivo di una mozione approvata dal Comune di Scicli sulle misure di difesa dal coleottero che tanto danno sta provocando ai carrubeti. Ha, inoltre,  informato di avere mandato al sindaco la richiesta per indire la gara per le riprese televisive una volta approvato il bilancio preventivo 2017. Il consigliere Giovanni Scucces ribadisce, quindi, la proposta di un bando a costo zero per l’ente per le riprese televisive del consiglio comunale. Il consigliere Vito D’Antona denuncia il fatto dell’assenza delle riprese televisive sostenendo che l’amministrazione non voglia far sapere ai cittadini modicani cosa accade in consiglio comunale. Prima dell’approvazione del bilancio sono state approvate spese interminabili come quelli relativi  ai costi per i cori, la banda musicale, le luminarie. Non si sono trovati i soldi per finanziare il capitolo per le riprese televisive. Il consiglio è stato l’occasione anche per chiedere delucidazioni sull’apertura della biblioteca ma nessuna data certa è nuovamente emersa. Il consiglio ha quindi poi  approvato ben 18 debiti fuori bilancio per un notevole impegno di spesa. Non è stata invece affrontata ne la delicata questione del Prg di Modica, che sarebbe impantanato alla Regione, ne della questione “calda” della tassa di soggiorno. All’annuncio del primo cittadino di Modica di destinare una quota  della tassa di soggiorno al finanziamento della società che gestisce l’aeroporto di Comiso. Da qui una serie di precisazioni da parte del presidente del Consorzio degli operatori turistici Francesco Frasca Polara che spiega come il Consorzio dovrebbe ricevere il 90 per cento degli introiti della tassa che nel 2017 sono stati oltre 218 mila euro, tuttavia ne avrebbero ricevuto solo minimi acconti, intorno ai 17 mila euro, mentre l’Amministrazione avrebbe disposto della tassa attingendone in più occasioni. Una questione che non è tuttavia transitata dal consiglio comunale nonostante gli operatori turistici chiedano chiarezza.

Modica – E’ sempre polemica sulla Tassa di Soggiorno

| News |
About The Author
-