Teatro Donnafugata: sold out per il Barbiere di Siviglia

Quindici minuti di standing ovation e una messa in scena efficace, sorprendente e a volte piacevolmente buffa, così come l’ha pensata il regista Marco Gandini. Straordinario successo ieri sera per la prima de “Il Barbiere di Siviglia” in scena al Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla, in co-produzione con l’Accademia Teatro alla Scala di Milano diretta da Luisa Vinci. Una riduzione per canto e pianoforte con i solisti dell’Accademia, che arriva a Ragusa con il patrocinio dell’Assessorato agli Spettacoli del Comune e nell’ambito del percorso formativo finanziato dal bando “Lombardia Plus” di Regione Lombardia. Un’opera pocket, ridotta da due ad un atto unico, senza però sacrificare la storia, i personaggi e soprattutto le varie arie, a partire da quella famosissima “Largo al factotum” cantata da Figaro. Le scene e i costumi sono stati ideati ed elaborati dagli allievi del corso per scenografi teatrali, mentre i giovani del corso per sarti dello spettacolo hanno curato la confezione dei costumi. Il progetto è particolarmente significativo poiché impegna concretamente diversi giovani nella realizzazione di uno spettacolo, artisti e maestranze, dando loro l’opportunità di sperimentare “sul campo” la genesi di una produzione teatrale. Per gli allievi dell’Accademia, che incarna la vocazione che il Teatro alla Scala ha sempre dimostrato per la formazione delle nuove generazioni nel campo dello spettacolo dal vivo, preparando tutte le figure professionali che operano in scena e dietro le quinte, l’esperienza a Ragusa rappresenta un’ulteriore occasione di crescita nel proprio percorso di studi. Tra le curiosità, senza dubbio le prenotazioni, giunte anche da Parigi, Londra e Zurigo. Si va in replica stasera e domani ma è già sold out.

 

Teatro Donnafugata: sold out per il Barbiere di Siviglia

About The Author
-