Nell’ambito della decima tappa di “Panorama d’Italia, il viaggio che va alla ricerca del bello visto da vicino”, che vede protagonista Ragusa e il barocco, si è svolto ieri sera alle 20,30 alla Sala Falcone Borsellino di Ragusa Ibla l’incontro con Paolo Genovese, regista di numerose pellicole di successo, tra cui “Perfetti sconosciuti” per il quale ha vinto il David di Donatello come miglior film e migliore sceneggiatura, e “The Place”, uscito qualche settimana fa nelle sale cinematografiche italiane.
L’incontro è stato moderato dalla giornalista e critica cinematografica Piera Detassis, che è riuscita a dialogare con il regista spaziando magistralmente su vari settori del piccolo e grande schermo, partendo proprio dall’ultimo film di Genovese, una pellicola particolare, non solo perché il regista è riuscito a concentrare il tutto in un solo ambiente, ovvero un bar, ma soprattutto per aver raccontato le storie di dieci personaggi che apparentemente sono slegate e per le emozioni positive o negative che l’artista riesce a far uscire dallo spettatore.
Partendo dall’affermazione “C’è qualcosa di terribile dentro ognuno di noi e chi non è costretto a scoprirlo è fortunato”, il regista vuole capire quanto si è disposti a rischiare pur di raggiungere il proprio obiettivo. Un’analisi interessante per scoprire il lato oscuro del genere umano, i demoni che ognuno si porta dietro.
Un incontro dunque che è servito non solo per conoscere più da vicino Paolo Genovese, ma per riflettere su alcuni aspetti dell’uomo, raccontati talvolta in modo drammatico talvolta in modo scherzoso attraverso la macchina da presa del regista.

Panorama d’Italia, incontro con Paolo Genovese

| Cultura e Spettacoli |
About The Author
-