Ragusa, un’App troppo costosa: il PD chiede il ritiro

Per il castello di Donnafugata il Comune di Ragusa ha pensato ad un rilancio che passi attraverso le nuove tecnologie. Si tratta di un’applicazione che costerà al Comune be 25.000 mila euro. Ma i consiglieri del Partito Democratico, Mario D’Asta e Mario Chiavola chiedono e pretendono una spiegazione. Per loro si tratta di una spesa esosa che non trova nessuna giustificazione. Inanzittutto si chiedono il perchè la documentazione a supporto dell’offerta presentata dalla ditta proponente che vanta un’esperienza decennale nel campo del marketing e della comunicazione digitale non sia stata allegata alla determina in modo tale da permettere a chiunque di conoscere l’esperienza e le reali capacità della stessa. Inoltre, si chiedono perchè non si è proceduto a mettere in bando la volontà di asquistare un’app e un sito web su”castello di donnafugata” nella certezza che molte imprese del settore con una documentata esperienza a livello nazionale ed internazionale, avrebbero presentato i loro progetti e di certo con ribassi più apprezzabili. Secondo Chiavola e D’asta, dal momento che la ditta in questione ha presentato un’app appositamente creata per il Castello di donnafugata, frutto dunque di un’accurato studio, vuol dire che per la redazione del progetto siano stati necessari svariati sopralluoghi. L’amministrazione sapeva già da tempo che si stava lavorando per questo progetto avendo certamente autorizzato le riprese video o le foto durante i tanti sopralluoghi affettuati. I due consiglieri evidenziano che si tratta di uno squilibrio dell’amministrazione che si volta dall’altra parte quando si tratta di erogare servizi sociali e investe ingenti somme nell’attivazione di un percorso che può avere la sua utilità ma non necessario e comunque costoso

Ragusa, un’App troppo costosa: il PD chiede il ritiro

About The Author
-