Vittoria: da fuoco a rifornimento per 2,30 Euro

Pensa di aver subito un torto di 2,30 euro e dà fuoco ad un distributore di benzina di fronte ad un Ospedale. È accaduto nella notte a Vittoria, nel ragusano, dove un quarantenne con precedenti penali ha appiccato il fuoco ad una colonnina di un distributore di carburanti a 50 metri dalla nuova ala dell’Ospedale Guzzardi. Ad inchiodare l’uomo, arrestato nella notte, le telecamere di video-sorveglianza. Il giorno precedente il piromane aveva avuto una discussione con il titolare del distributore, tutto per aver inserito 4,30 euro nella macchinetta di sigarette attigua alle pompe che però non ha erogato la merce, il quarantenne ha protestato con il titolare mostrandogli uno scontrino da 2,30 euro. Quando il proprietario del distributore gli ha manifestato la volontà di consegnarli quanto riportato nello scontrino, i due sono arrivati alle mani. La vendetta del piromane non si è fatta attendere. L’uomo ha scalvato la recinsione, si avvicina all’accettatore di banconote per il funzionamento automatico delle pompe di benzina, introduce una banconota, seleziona la pompa da utilizzare, si avvia verso di essa, estrae la pistola ed “irrora” l’area circostante con la benzina che a fuoriesce a fiotti, poi si allontana, estrae un accendino dalla tasca destra del giaccone ed appicca il fuoco. Il lampo è violentissimo e tutto brucia, lui si allontana di corsa. L’allarme è stato dato al Commissariato di Polizia di Vittoria dai Vigili del Fuoco intervenuti presso una grande stazione di servizio sita in via Cavalieri di Vittorio Veneto, all’uscita della città per Comiso, in linea d’aria a 50 metri dall’ala nuova dell’Ospedale Guzzardi.
Le pattuglie di Polizia si sono recate immediatamente sul posto e con l’ausilio del personale della “scientifica” hanno estrapolato e visionato le immagini registrate dall’impianto interno di videosorveglianza. Gli agenti hanno subito collegato quanto accaduto ad una chiamata ricevuta dal titolare del distributore i giorno prima per la vicenda prima raccontata. Individuato l’uomo i poliziotti si sono recati nella sua abitazione sita in una campagna di vittoria, il quarantenne era a a letto ancora annebbiato dai fumi dell’alcool. Gli Agenti hanno perquisito la casa trovando nella lavatrice gli indumenti corrispondenti a quelli indossati dal piromane nelle immagini delle telecamere e l’odore di carburante non ha lasciato spazio ad alcun dubbio. L’uomo si è detto pentito di quanto fatto, ma questo non gli ha evitato la denuncia per incendio aggravato. Le conseguenze dell’incendio sarebbero potute risultare drammatiche considerata la vicinanza dell’ospedale, ma fortunatamente, grazie anche al tempestivo intervento dei vigili del fuoco, si è evitato il peggio.

Vittoria: da fuoco a rifornimento per 2,30 Euro

| News |
About The Author
-