Fondi ex insicem per il Pio La Torre: siglata convenzione

Un milione e seicento mila euro all’aeroporto di comiso grazie ai fondi ex insicem che permetteranno alla soaco di emettere un nuovo bando usufruendo del finanziamento della regione di 4,5 milioni di euro. Per il Pio la Torre si tratterebbe di una boccata d’ossigeno enorme e oggi sembra che il risultato sia davvero a portata di mano grazie alla convenzione stipulata tra il libero consorzio di Ragusa e la Società di gestione del Pio La torre.

Potrebbe essere stato il suo ultimo atto da Commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, ma per Dario Cartabellotta sin dall’inizio del suo mandato è stato il suo ‘chiodo’ fisso, ovvero chiudere la ‘pratica’ Soaco con l’assegnazione dei fondi ex Insicem per l’incentivazione delle rotte aeree per l’aeroporto di Comiso. Dopo due bandi andati deserti, dopo un viaggio a Bruxelles per convincere i funzionari dell’Unione Europea a non considerare quel contributo un ‘aiuto di Stato’, oggi sulla scorta della convenzione firmata dalla Soaco con i comuni iblei per usufruire del finanziamento di 4,5 milioni della Regione siciliana, il Libero Consorzio Comunale di Ragusa e la Soaco hanno sottoscritto la terza convenzione, che di fatto annulla le due precedenti, per il trasferimento di 1,6 milioni di euro alla Soaco che così potrà emettere un nuovo bando forte di questo finanziamento, dei 4,5 milioni della Regione siciliana e dei 300 mila euro dell’ex Camera di Commercio di Ragusa.

La convenzione è stata sottoscritta dal commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale, Dario Cartabellotta e dal presidente della Soaco Silvio Meli, presente pure l’amministratore delegato Giorgio Cappello e il presidente di Intersac Giuseppe Giannone.

Con la convenzione vengono definite le modalità e gli strumenti operativi che, nell’ambito dei rispettivi ruoli istituzionali, le parti porranno in essere per assicurare il buon esito della prefigurata azione di promozione e sviluppo del territorio ibleo mediante l’istituzione di un regime di aiuto finalizzato a favorire la attivazione di nuove rotte e il potenziamento di quelle esistenti, in attuazione dell’azione strategica determinata dall’accordo di programma di utilizzo dei fondi ex Insicem.

Intanto ieri è stato pubblicato uno studio di Bankitalia che sottolinea  come l’aeroporto di Comiso rappresenti il volano fondamentale che ha fatto uscire dall’isolamento e valorizzato presso l’utenza internazionale i fattori attrattivi del territorio ibleo: il mare e le sue coste, i centri storici e il patrimonio storico-artistico, l’enogastronomia e i prodotti tipici legati a un’agricoltura d’eccellenza.  Insomma tutto questo non ripiana di certo il bilancio della società, ma di sicuro rappresenta uno slancio notevole per la struttura iblea.

 

Fondi ex insicem per il Pio La Torre: siglata convenzione

| News |
About The Author
-