Scicli, depuratore in contrada Arizza per le acque reflue

Il Comune di Scicli mette a disposizione dell’Università di Catania un’area di circa 200 mq presso l’impianto di depurazione di contrada Arizza per realizzare un impianto dimostrativo di fitodepurazione per il trattamento delle acque reflue e dei fanghi.

L’obiettivo dell’amministrazione comunale di Scicli è quello di divulgare e promuovere le tecnologie naturali delle acque reflue e dei fanghi, come la fitodepurazione e fitodisidratazione, per il trattamento e il riuso in agricoltura delle acque reflue e dei fanghi di depurazione prodotti da piccoli e medi insediamenti nei territori transfrontalieri di Italia e Tunisia. Il progetto prevede la realizzazione di impianti dimostrativi, organizzazione di stage e seminari tecnico- scientifici rivolti a studenti e tecnici residenti in Sicilia e Tunisia.

Le università coinvolte sono i Dipartimenti di Catania di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente, e stanno predisponendo una proposta nell’ambito del programma riguardante la tutela dell’ambiente e l’adattamento ai cambiamenti climatici.

Nell’area individuata in contrada Arizza, tra Donnalucata e Cava d’Aliga, si realizzerà un campo dimostrativo per l’irrigazione di colture con acque reflue fitodepurate.

L’attività di monitoraggio durante la durata del progetto sarà curata dai ricercatori dell’Università di Catania, i quali avranno anche il compito di organizzare eventi divulgativi, seminari, workshop e visite tecniche.

Scicli, depuratore in contrada Arizza per le acque reflue

| News |
About The Author
-