“La festività non si vende, si vive”: la nota della Cgil

Il giorno di Pasquetta  i negozi dei centri commerciali di  Modica  e Ragusa resteranno aperti l’intera giornata,  suscitando non poche polemiche. Questo è quanto si apprende direttamente dal centro commerciale che tramite i canali social ne pubblicizza l’apertura.  Non poche le proteste e le polemiche dei lavoratori, ma anche di gente comune che si scagliano contro la scelta di aprire i negozi in un giorno festivo. La Filcams Cgil in una nota scritta fa sapere che è contraria all’apertura e chiede il rispetto della festività, promuovendo la campagna nazionale “La festività non si vende, si vive”. Nella nota i sindacati  spiegano come vi sono lavoratori costretti a lavorare in giorni festivi, ma si tratta comunque di servizi essenziali: sanità , trasporti o forze dell’ordine. Diverso è, per i sindacati, il caso degli esercizi commerciali, la cui apertura non determina né un aumento dei vantaggi né dei posti di lavoro e non si tratta nemmeno di un servizio essenziale per la collettività. Paradossalmente l’apertura porta soltanto a un peggioramento delle condizioni di vita e lavorative dei dipendenti, costretti a lavorare con turni più lunghi e non necessariamente riuscendo a guadagnare di più. Le donne, in particolare, sono allontanate dalla famiglia o comunque costrette a scegliere tra la famiglia e il lavoro.

di Valentina Di Rosa

“La festività non si vende, si vive”: la nota della Cgil

| News |
About The Author
-