Immigrazione clandestina: 8 tunisini arrestati dalla polizia di Ragusa

Dopo l’arresto del tunisino che aveva tentato di aggredire un’operatrice presso l’Hot Spot di Pozzalo, la Squadra mobile di Ragusa, la guardia di Finanza e i Carabinieri di Pozzallo, hanno arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina lo scafista che, nei giorni scorsi, ha condotto fino al litorale pozzallese un’imbarcazione con a bordo 111 migranti, la maggior parte di origine tunisina. L’arresto è scattato per il tunisino 29enne, Houssem BEN DHAOU, arrestato ad ottobre del 2017 per lo stesso reato. Dopo l’arresto e la breve permanenza in carcere, una volta liberato era stato espulso dall’Italia. Nonostante ciò, è ritornato in Italia ancora una volta in veste di scafista pensando di poterla fare franca. Anche se aveva dato un nome falso, le sue impronte digitali hanno permesso alla Polizia Scientifica di identificarlo.
Nel corso delle indagini, la Polizia ha condotto indagini a tutti i tunisini sbarcati, già espulsi dal territorio italiano. Dagli accertamenti effettuati grazie alle impronte digitali è risultato che diversi cittadini tunisini erano già stati in Italia ed avevano commesso reati, soprattutto al nord Italia. In tutto sono 6 le persone fermate: 5 sono state arrestate per aver fatto ingresso in Italia dopo l’espulsione, mentre un’ altra è stata condotta in carcere per resistenza a Pubblico Ufficiale, pena inflitta dal Tribunale di Ancona.

Immigrazione clandestina: 8 tunisini arrestati dalla polizia di Ragusa

| News |
About The Author
-