Connect with us

Hi, what are you looking for?

Attualità

“Un albero per il Futuro” e “ l’albero di Falcone”. Due progetti sull’ambiente a Comiso

“Un albero per il Futuro” e “ l’albero di Falcone”. Due progetti sull’ambiente e sulla legalità realizzati dalla scuola “Luigi Pirandello”. “ Noi siamo ambiente e il rispetto delle regole è legalità”. Dichiarazioni del sindaco, Maria Rita Schembari, e dell’assessore all’ambiente, Biagio Vittoria.

 20 visualizzazioni totali

Martedì 17 maggio presso la scuola Pirandello, si è tenuto un incontro che rientra nell’ambito del progetto che il Ministero della Transizione ecologica e il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, stanno realizzando, finalizzato all’educazione ambientale nelle scuole e sull’importanza della forestazione e della conservazione della biodiversità.

“ E’ un progetto importante – dichiara il sindaco – perché da un lato tende a sensibilizzare i ragazzi   e le loro famiglie  a seguire i consigli dei Carabinieri della Biodiversità sulla cura delle singole specie, dall’altro perché si intreccia con la diffusione dei valori della legalità. Proprio per questo – ancora il sindaco – è stato presentato anche il progetto “l’albero di Falcone”, un’idea nata a Palermo dalla fondazione Falcone che ha preso spunto da un albero che si trova proprio di fronte alla casa del giudice ucciso dalla mafia nel 1992 e sotto il quale moltissimi giovani continuano a riunirsi. Il progetto consiste nella distribuzione di talee, riprodotte da quell’albero, che verranno piantumate in spazi verdi e di cui i ragazzi si prenderanno cura nel rispetto dell’ambiente e quindi nel rispetto delle regole. Perché il rispetto per le regole – conclude Maria Rita Schembari – chiude le porte all’illegalità, alla mafia, alle mafie”.

“ Noi siamo ambiente – aggiunge l’assessore Vittoria – perché  creiamo noi l’ambiente in cui viviamo. Non si tratta solo di ambiente in senso naturale e paesaggistico, ma soprattutto di un habitat in cui il non rispetto per le regole, a cominciare da una cicca di sigaretta gettata per terra, costituisce una società insana dove qualunque fenomeno malavitoso trova il suo humus. Abbiamo molta fiducia nei giovani – conclude l’assessore- ed è per questo che siamo accanto a loro”. 

Il progetto è stato organizzato dalle professoresse Daniela De Petro e Delia Canto con la collaborazione e la partecipazione degli insegnanti di educazione musicale che si sono esibiti sia all’inizio, sia alla fine dell’incontro. Presenti all’incontro  i Carabinieri, nella persona del Comandante provinciale, il Colonnello Gabriele Gainelli, e del Maresciallo Cinquemani del distaccamento biodiversità e che ha portato a scuola le talee dell’albero di Falcone , la Polizia di Stato rappresentata dal Commissario Salerno  e la Polizia Locale con il Comandante avv. Marco Comitini.

 21 visualizzazioni totali,  1 visualizzazioni oggi

Advertisement

Ti potrebbero interessare

Attualità

E la fusione tra Comiso e Catania è arrivata. Ieri mattina l’amministratore delegato di Sac, Nico Torrisi, insieme al presidente e all’amministratore delegato di Soaco,...

Attualità

Se dobbiamo conviverci allora facciamo in modo che siano belli da vedere. Mentre l’emergenza rifiuti continua c’è chi propone soluzioni tampone come ricoprire i...

Attualità

Saranno comparati ai pomodori prodotti con il metodo tradizionale, quelli raccolti a Ispica con metodo idroponico senza suolo. Il metodo è stato presentato a...

Attualità

La Regione è a rischio desertificazione che riguarda il 70 % del territorio dell’isola. Manca l’acqua e le temperature continuano a salire. Confagricoltura chiede...