Connect with us

Hi, what are you looking for?

Attualità

Capodoglio spiaggiato a Scoglitti: recuperata la carcassa (VIDEO)

Come concordato ieri in Prefettura, su richiesta del sindaco di Vittoria, Francesco Aiello, è stata rimossa questa mattina la grande carcassa di cetaceo arenata da giorni sulla spiaggia di Scoglitti.


Si tratta di un esemplare di capodoglio di circa 15 metri di lunghezza e del perso di 25 tonnellate, spiaggiato da giovedì.
La decisione sulla rimozione dell’enorme cetaceo, come accennato, è stata presa ieri durante un vertice in Prefettura a Ragusa a cui hanno preso parte il Prefetto, Giuseppe Ranieri, il sindaco di Vittoria, Francesco Aiello, il comandante della capitaneria di Porto, Salvatore Cappello e il responsabile del Museo di Storia naturale di Comiso, Gianni Insacco che si occuperà dell’aspetto scientifico.
Nel corso dell’incontro, sentito anche il comandante provinciale dei vigili del fuoco, sono state esaminate le modalità di rimozione e smaltimento della carcassa, rese particolarmente difficoltose dalle notevoli dimensioni e dal peso del cetaceo, peraltro in via di decomposizione.
Dopo la rimozione del capodoglio saranno effettuati tutti degli esami utili a capire come l’animale sia morto e come sia arrivato a Scoglitti. Poi anche per capire se si tratta di un esemplare del Mediterraneo o proveniente dall’Atlantico.
Sarà effettuato un prelievo dei tessuti del capodoglio per comprendere se vi fosse presenza di metalli pesanti nel suo organismo.
Inoltre, sarà appurato se il Capodoglio appartiene a una specie atlantica o mediterranea. Si cercherà, infine, di recuperare la mandibola e i denti per comprendere l’età dell’animale. Quest’ultimo esame, sarà effettuato dagli esperti del museo di storia naturale di Comiso.
L’ipotesi di recuperare lo scheletro del capodoglio – Spiega Insacco, responsabile del Museo di Storia Naturale – si è arenata a causa dei tempi lunghi: sono già passati quattro giorni e l’emergenza sanitaria impone di rimuovere la carcassa ormai in avanzato stato di decomposizione.
“Tenteremo di fare comunque un esame necroscopico – continua Insacco – per cercare di comprendere le cause della morte, capire se il capodoglio aveva mangiato, se c’erano delle infezioni. Dal prelievo dei tessuti potremo verificare la presenza di metalli e quindi stabilire lo stato delle acque.
Dovremo anche capire si si tratta di un esemplare del mediterraneo o di uno proveniente dall’Atlantico, come le dimensioni potrebbero far pensare. Cercheremo di recuperare la mandibola e i denti che potranno permetterci di stabilire l’età di questo esemplare”.

 679 visualizzazioni totali,  9 visualizzazioni oggi

Advertisement

Ti potrebbero interessare

Politica

Lascia il partito dopo 44 anni di militanza nell’Udc. Pinuccio Lavima, a Canale 74, spiega i motivi legati a tale decisione legati all’ingresso di...

Attualità

A quasi un mese di distanza dal proprio insediamento il neo Commissario di Modica, Domenica Ficano si presenta alla stampa ed ai cittadini. Tante...

Politica

“Il coraggio di una nuova storia” E’ il clam scelto dall’ex sindaco di Modica, Abbate, per competere alle prossime regionali con l’UDC. Sabato bagno...

Attualità

Le edicole cimiteriali interdette del cimitero vecchio di Modica al centro dell’incontro tra il Consigliere Carpentieri e il neo Commissario. Tante rassicurazioni adesso si...