Connect with us

Hi, what are you looking for?

Attualità

Caso Caravaggio, “ancora tanto da chiarire”

“L’ultima novità nel caso Caravaggio è la rinuncia al contributo del Comune, e forse anche del Libero Consorzio dei Comuni, da parte degli organizzatori della mostra.
Una notizia che fa scalpore, inevitabilmente, alla luce delle assicurazioni, che avevano ricevuto, e avevano accettato come affidabili, gli amministratori che le avevano girato alla critica delle opposizioni e dell’opinione pubblica, dopo il giudizio negativo del critico Vittorio Sgarbi e le comunicazioni di alcuni esperti, citati come garanti nella delibera di giunta e nella determina dirigenziale, che si sono detti estranei ad ogni valutazione sull’opera sull’autenticità del dipinto. Se tutto era a posto, come continuano ad affermare gli organizzatori e come, ampiamente, hanno assicurato il sindaco e l’assessore Barone, in consiglio comunale, perché tanta preoccupazione ?????

E’ la riflessione del consigliere Comunale Giorgio Mirabella che, anche dopo un confronto all’interno del suo gruppo INSIEME, aggiunge:
“Penso sia arrivato il momento nel quale il primo cittadino possa trarre le conclusioni di una vicenda amministrativa trattata, a tutti i livelli, con estrema superficialità, per l’evidente pressapochismo da principianti che ha caratterizzato, dall’esplosione del caso, tutta la vicenda.
Il sindaco ancora mercoledì sera, in consiglio comunale, giustificava tutte le procedure attivate e gli elementi che ne avevano consigliato l’elargizione di soldi pubblici per la mostra del “presunto” Caravaggio.
Il carosello di dichiarazioni e comunicati dell’ultimo momento lascia basiti per la sua stranezza che oscilla fra il teatro dell’assurdo e la commedia napoletana.
La sera di mercoledì 25 maggio, in seduta ispettiva di consiglio comunale appositamente convocata su invito del primo cittadino per rispondere del caso Caravaggio, Cassì comunica che il contributo agli organizzatori è stato ‘congelato’.
Si può leggere sul sito del Comune che, nella stessa giornata, presumibilmente nelle ore antimeridiane, gli uffici avevano adottato determina per revocare l’identico atto del mese di marzo, contenente il contributo da erogare ad una stamperia, per conto degli organizzatori.
Da una nota degli organizzatori di oggi, sabato 28 maggio, si apprende che, con mail certificata del 24 maggio, martedi, precedentemente alla seduta del civico consesso, era stata comunicata la rinuncia al contributo.”
“Una successione di eventi, se non poco credibile, di certo strana, che fa emergere, prima di tutto, una significativa anomalia: il sindaco parla in Consiglio di congelamento, mentre gli uffici hanno revocato la determina per il contributo su espressa rinuncia degli organizzatori – specifica Giorgio Mirabella che così conclude: vogliamo tralasciare la gravità e la delicatezza del caso, ma il fatto che il Sindaco mente o sa di mentire a proposito del blocco del contributo è fuori da ogni accettabile prassi politica.
Se poi, realmente, non sa di quello che avviene in altre stanze del nostro Comune, in ordine alla delicatezza della questione, è proprio il caso di auspicare un quanto mai opportuno passo indietro del primo cittadino, meglio se preceduto da quello dei suoi assessori, per restituire prestigio e credibilità alla città che non mai ha vissuto, nella sua storia, momenti bui come questo.

 169 visualizzazioni totali,  9 visualizzazioni oggi

Advertisement

Ti potrebbero interessare

Politica

Lascia il partito dopo 44 anni di militanza nell’Udc. Pinuccio Lavima, a Canale 74, spiega i motivi legati a tale decisione legati all’ingresso di...

Attualità

A quasi un mese di distanza dal proprio insediamento il neo Commissario di Modica, Domenica Ficano si presenta alla stampa ed ai cittadini. Tante...

Politica

“Il coraggio di una nuova storia” E’ il clam scelto dall’ex sindaco di Modica, Abbate, per competere alle prossime regionali con l’UDC. Sabato bagno...

Attualità

Le edicole cimiteriali interdette del cimitero vecchio di Modica al centro dell’incontro tra il Consigliere Carpentieri e il neo Commissario. Tante rassicurazioni adesso si...