Connect with us

Hi, what are you looking for?

Attualità

Porto di Pozzallo. Ammatuna: “Inaccettabile che la legge non preveda una rappresentanza del Comune”

Come è noto con un emendamento alla legge 108 del 05 agosto 2022, che ha modificato l’allegato A della legge 84 del 94, il porto di Pozzallo è stato inserito nella circoscrizione dell’Autorità di Sistema Portuale della Sicilia Orientale comprendente i porti di Augusta e Catania.

Non si può non evidenziare come si è arrivati ad una decisione riguardante la nuova “governance” del porto senza aver avviato un confronto con il territorio e, dalle notizie che ci giungono, sembrerebbe che nessun confronto sia avvenuto con il proprietario della struttura ovvero la Regione Siciliana il cui pensiero non è noto. È palese, invece, che dall’entrata in vigore della nuova legge, ad oggi, regna la confusione più totale sulle competenze e sul modo di gestione di alcuni atti che necessitano tempi rapidi d’interventi ma che hanno subito un forte rallentamento per questioni di competenza proprio perché gli enti preposti o interessati dal nuovo corso non hanno ricevuto nessun tipo di comunicazione da parte delle loro amministrazioni ma informati solamente attraverso la pubblicazione della legge o notiziati dalla stampa.

La preoccupazione è davvero tanta perché non conosciamo, ad oggi, la posizione della Regione Siciliana che non ha diramato nessuna nota ufficiale e/o non ha provveduto a consegnare il porto al nuovo gestore.

Non sono contrario all’autorità di gestione e che Pozzallo ne faccia parte, ma rimango preoccupato e perplesso. L’emendamento presentato doveva essere completato con la modifica nella composizione del comitato di gestione che avrebbe anche dovuto includere il rappresentante del Comune di Pozzallo. Da  un lato il legislatore si preoccupa di ampliare l’estensione territoriale aggiungendo un porto come Pozzallo che, nell’ultimo anno, ha registrato record importanti per numero di approdo di navi, per movimentazione di merce e per trasporto passeggeri e che rappresenta un volano per l’economia del sud est della Sicilia, dall’altro una realtà come la nostra che non avrà nessuna rappresentanza in seno all’autorità di gestione in quanto Pozzallo non è un porto capoluogo di provincia. Tutto questo non mi sembra corretto e funzionale allo sviluppo della struttura oltre che lesivo degli interessi dell’intera  provincia di Ragusa.

Mi auguro che a questa mia nota possa essere dato riscontro dagli organi istituzionalmente competenti a cui mi sono rivolto per avere rassicurazioni al fine di chiarire titolarità di rappresentanza, responsabilità e linee di intervento e dare risposta alle problematiche attuali, a partire ad esempio dai problemi di illuminazione o di manutenzione ordinaria, fino a programmare il futuro del nostro porto attraverso il progetto di messa in sicurezza e di ampliamento.

 723 visualizzazioni totali,  3 visualizzazioni oggi

Advertisement

Ti potrebbero interessare