Connect with us

Hi, what are you looking for?

Attualità

Gli studenti del Marconi di Vittoria scrivono a Daouda Diane a quattro mesi dalla sua scomparsa

Pubblichiamo la lettera che gli studenti della IV C dell’Istituto Superiore “Marconi” di Vittoria hanno voluto scrivere pensando a Daouda Diane a quattro mesi dalla sua scomparsa lo scorso 2 luglio da Acate.

“Caro Daouda, siamo 17 studenti della IV C dell’Istituto Superiore “Marconi” di Vittoria (RG) indirizzo Alberghiero. Durante le ore di insegnamento di religione a scuola abbiamo affrontato il tema delle migrazioni e delle esperienze traumatiche che voi migranti vivete sin da quando lasciate il vostro Paese, nonché della piaga del caporalato. Come non restare scioccati dalla violenza che subite nell’inferno dei centri di detenzione libica e, infine, quando arrivate, in quella che poteva essere la vostra “terra promessa”. Questa spesso si trasforma per voi migranti in terra di schiavitù, impiegati a lavorare in nero, sfruttati da caporali senza scrupoli ed esclusi socialmente.

Noi ci stiamo formando perché un giorno vorremmo lavorare nel campo dell’accoglienza turistica/ristorazione, non di rado, anche noi veniamo sfruttati prima di essere poi riconosciuti nelle nostre competenze. La tua lotta per la giustizia, l’eguaglianza, la legalità, il riconoscimento dei diritti, la libertà è anche la nostra lotta. A scuola ci insegnano a maneggiare tanti ingredienti per realizzare dei piatti gourmet ma tu ci hai insegnato che è importante, per un Paese realmente democratico trattare altri “ingredienti” per gustare la bellezza del vivere insieme, in pace. Vogliamo essere uomini e donne amanti della verità, pronti a denunciare l’ipocrisia e l’ingiustizia.

Pensando a te, caro Daouda, ci è venuta in mente una canzone di Max Gazzè dal titolo “Il dio delle piccole cose”. Nella strofa finale così recita: “Il Dio delle piccole cose aspetta la fine del cammino. Con un sacco sgualcito dal tempo ed un piccolo inchino. Chissà se ci ridà indietro le vite che abbiamo in sospeso. Io credo sia questo l’inferno e il paradiso”

Noi stiamo aspettando che si realizzi una civiltà degli uomini dove il rispetto, l’accoglienza e la giustizia siano sempre più i valori fondamentali. Non sappiamo se tu tornerai tra noi ma in questo “tempo sospeso” non vogliamo abbassare i riflettori sulla tua storia, sperando e realizzando un mondo migliore, fiduciosi nell’esistenza del dio delle piccole cose che trasforma il nostro quotidiano e le nostre vite in capolavori.

VITTORIA, 2 NOVEMBRE 2022
Gli studenti della IV C
Istituto Marconi – Vittoria (RG)

 248 visualizzazioni totali,  3 visualizzazioni oggi

Advertisement

Ti potrebbero interessare