Connect with us

Hi, what are you looking for?

Attualità

Fare Verde Vittoria, verde pubblico: “Serve competenza e programmazione”

L’ennesima scandalosa premeditata estirpazioni di alberi ( falso Pepe) zona Calvario, giustificata da presunti danni irreversibili ai marciapiedi e alle strutture circostanti ripropone fortemente la questione della gestione verde pubblico nella città di Vittoria.

Ma nulla  si poteva fare per salvare questi monumenti della natura?

Alberi adulti che hanno raggiunto ormai le massime dimensioni per evitare questo massacro, non si poteva creare su quel breve tratto di strada un senso unico di marcia? Per poi ripristinare i marciapiedi allargandoli per i pedoni , salvando capre e cavoli.

Archiviando le scelte errate fatte nel tempo nella nostra città, fermo restando l’indiscutibile valore naturalistico, estetico, di funzione ossigenante del territorio che gli alberi apportano a vantaggio di tutti, Fare Verde Vittoria chiede ancora una volta ai nostri amministratori un’ adeguata sensibilità e soprattutto una reale programmazione con figure competenti per evitare di ripetere clamorosi errori già fatti nel passato di cui ora tutti ne paghiamo conseguenze con evidenti danni anche economici.

Ad oggi le scelte fatte lasciano molte perplessità, sia sulle competenze che sulla la sensibilità riguardo il verde in città, sbandierate solo a parole.

Nessuna compensazione ci risulta fatta sugli alberi estirpati in Piazza Del Popolo, inoltre sull’intenzione del recupero di questi alberi (ficus nitida), sono state maldestramente fatte scelte approssimative ed inadatte con il risultato che molti di questi  alberi ricollocati sono morti.

La relazione tecnica del 14/01/2022 a cui  si è affidato il comune nell’operazione di ricollocamento degli alberi di Piazza Del Popolo, che parlava di buona probabilità di attecchimento in aree idonee in un periodo dell’anno che non và oltre febbraio-marzo è stata totalmente inascoltata.

Ci chiediamo se l’estirpazione degli alberi di Piazza del Popolo era la priorità assoluta per la città e se c’era la volontà di salvare questi alberi non sarebbe stato giusto aspettare l’anno dopo per il ricollocamento degli stessi fatto nei mesi giusti e in un terreno adatto e non su un terreno misto a materiale di risulta, minando con questi criteri, quella “buona probabilità di attecchimento” che era giusto dare a questi esseri viventi.

La natura non và presa in giro e non vuole contentini, tutti noi altrimenti ne paghiamo le conseguenze.

Per tali ragioni, Fare Verde propone l’ennesimo invito nostri amministratori a  presentare alla città, un piano programmatico sull’incremento e la gestione del verde pubblico,  basato realmente su scelte di competenza e vera sensibilità.

Chiediamo ai Signori amministratori l’insediamento di una consulta per l’ambiente, dove le decisioni che interessano la città non siano solo comunicate a cose fatte, ma si crei un dibattito democratico mettendo a confronto punti di vista diversi per fare scelte finali condivise,  la città è di tutti.

 558 visualizzazioni totali,  3 visualizzazioni oggi

Advertisement

Ti potrebbero interessare

Attualità

Un bilancio di primo anno d’amministrazione Aiello a Vittoria. Tanti argomenti toccati che spaziano dalla sicurezza cittadina al fenomeno delle fumarole. Poi anche momenti...

Attualità

Non sono stati pagati gli stipendi agli operatori ecologici di Vittoria. Per questo è stato proclamato lo stato di agitazione. Il motivo, si legge...

Attualità

Un’ordinanza emessa dal comune di Vittoria  vieta il consumo di alcolici dalle 19 alle 7 del giorno successivo dal 14 novembre al 7 gennaio....

Cronaca

Si svolgeranno domani pomeriggio i funerali di Mirko Argentino venuto a mancare a causa dell’incidente che si è verificato sabato pomeriggio lungo la Vittoria...