Connect with us

Hi, what are you looking for?

Attualità

Ragusa, la Cna chiede un osservatorio sulla burocrazia

Per poter consumare un prodotto gastronomico all’interno di un’attività artigiana, leggi e burocrazia impongono sedute scomode e vietano l’uso di piatti di ceramica e posate in metallo. E se l’artigiano ha l’ardire di offrire una bibita per accompagnare un trancio di pizza, o un caffè espresso dopo un cornetto di propria produzione, deve addentrarsi in un infernale labirinto burocratico e normativo e, ben che vada, deve adattarsi a vincoli e limitazioni.

Il decentramento introdotto dalla riforma del titolo V della Costituzione per le imprese artigiane non fa rima con semplificazione. Sono queste le peculiarità dell’Osservatorio burocrazia presentato dalla Cna nazionale e che anche la Cna territoriale di Ragusa intende mutuare nell’ambito provinciale.

E non è un caso. Perché tra chi ha illustrato, a Roma, i contenuti di questo nuovo strumento c’era anche il vicepresidente nazionale Cna, il ragusano Pippo Cascone.

“Grazie all’Osservatorio burocrazia realizzato dalla Cna, giunto alla quinta edizione – spiega quest’ultimo – è stato possibile indagare l’impatto della riforma costituzionale del 2001 su otto mestieri (alimentare con consumo sul posto, installazione e manutenzione impianti fotovoltaici, tatuaggio, piercing, acconciatura, estetica, toelettatura di animali, meccatronica), quasi 400mila imprese, dal quale emergono numerose criticità nell’attività d’impresa a causa di un variegato contesto normativo e amministrativo. L’indagine mostra la necessità di potenziare le forme di raccordo e collaborazione tra i diversi livelli istituzionali in modo da valorizzare le specificità territoriali all’interno di una visione unitaria”.

La Cna territoriale di Ragusa ritiene che la presentazione di un Osservatorio anche a livello locale possa contribuire a sollecitare un confronto permanente sui mestieri artigiani al fine di semplificare e razionalizzare il quadro normativo e regolamentare; aggiornare e riordinare le leggi di settore, a partire dal coordinamento dei percorsi formativi; assicurare l’interoperabilità delle banche dati pubbliche; dare risposte ai nuovi mestieri attraverso standard omogenei. Si punta, insomma, a semplificare la vita a cittadini e imprese valorizzando le specificità del territorio.

 735 visualizzazioni totali,  4 visualizzazioni oggi

Advertisement

Ti potrebbero interessare

Attualità

Ricevuti a Palazzo di Città il dottor Carmelo Caccamo Segretario Territoriale e Carmelo Re componente della Presidenza Territoriale della CNA di Ragusa. Nel lungo...

Attualità

Si è svolta venerdì a Siracusa l’Assemblea Regionale dei Balneari di CNA Sicilia, un evento che ha visto la partecipazione di delegati da tutta...

Attualità

Il presidente territoriale Cna Ragusa Giuseppe Santocono e il segretario territoriale, Carmelo Caccamo, unitamente al responsabile cittadino, Andrea Distefano, hanno incontrato il sindaco di...

Attualità

La Cna territoriale di Ragusa ha incontrato il commissario straordinario del Libero consorzio comunale, Patrizia Valenti. Sul tavolo del confronto una serie di questioni...

Testata giornalistica Canale 74 iscritta al n. 7/93 del Tribunale di Ragusa
Direttore responsabile: Davide Allocca
Direttore di rete: Dott. Massimiliano Casto
Indirizzo: S.S. 115 Km 339.500 - 97015 Modica (RG) - Email: redazione.canale74@gmail.com

Copyright © 2022 Canale 74. Powered by DafaSystem.