Connect with us

Hi, what are you looking for?

Attualità

Ragusa, molto partecipata la Processione del Venerdì Santo

E’ stato un silenzio carico di mestizia a contraddistinguere il corteo snodatosi tra i monumenti barocchi patrimonio dell’Unesco.

Questa la peculiarità caratterizzante la processione tenutasi ieri sera nella città antica di Ragusa. Una processione, molto più partecipata rispetto a quella degli anni scorsi, avente uno scopo unico: fare emergere la solennità del dolore legata alle giornate della Passione del Signore. A centinaia, dunque, i fedeli che hanno fatto da cornice al momento spiritualmente più intenso del Venerdì santo. Nel contesto delle celebrazioni della Settimana santa, un rito di grande significato e tradizione. Un rito consumatosi in attesa della festa della Resurrezione.

Dal Duomo di San Giorgio, in maniera maestosa, sono usciti i simulacri del Cristo morto e dell’Addolorata. Preceduti dai fedeli che, ciascuno con il proprio cero votivo, hanno formato due ali ai lati della strada e dal clero delle chiese di Ibla (guidato dal parroco del Duomo, don Pietro Floridia), i due simulacri sono transitati per le vie principali della città antica seguiti dai componenti dell’associazione musicale “San Giorgio” che hanno contribuito a rendere la cornice complessiva di questa giornata carica di dolore ancora più suggestiva e, al contempo, drammatica.

I simulacri del Cristo morto e dell’Addolorata hanno, dunque, fatto rivivere la processione più antica di Ragusa. Le prime notizie storicamente attestate risalgono, addirittura, al 1713.

Il Cristo morto e l’Addolorata, tra l’altro, esprimono la religiosità dei residenti dell’antica città che nel corso dei secoli è risultata fortemente radicata così come testimoniato dalla nascita delle numerose chiese che punteggiano questo lembo del territorio urbano.

Ad animare i momenti di alta spiritualità di questa così come delle altre processioni tenutesi in occasione del “Quarantore di adorazione del Santissimo sacramento”, i componenti delle varie confraternite che hanno dettato i tempi dei cortei religiosi succedutisi da domenica scorsa a ieri sera.

Oggi, intanto, alle 18, al Duomo di San Giorgio, ci sarà L’ora della Madre mentre alle 22, nella chiesa di San Tommaso, si terrà la veglia pasquale e la santa messa. Allo stesso modo, veglia pasquale e santa messa sono in programma, sempre a partire dalle 22, al Duomo.

Queste, invece, le funzioni in programma per la domenica di Pasqua, 31 marzo. Alle 9, nella chiesa di San Giuseppe (Benedettine), la santa messa. Celebrazione eucaristica alle 10 nella chiesa Anime sante del Purgatorio. Alle 11, al Duomo, celebrazione della santa messa che sarà poi reiterata a mezzogiorno. Nel pomeriggio, le sante messe sono in programma allo stesso orario, vale a dire alle 19, nella chiesa di San Tommaso e al Duomo di San Giorgio. In quest’ultimo caso, si terrà la solenne celebrazione eucaristica.

 566 visualizzazioni totali,  3 visualizzazioni oggi

Advertisement

Ti potrebbero interessare

Attualità

Continua il progetto Differenziamo Ragusa 2024 promosso dagli Assessorati all’Ambiente e alla Pubblica istruzione del Comune di Ragusa in collaborazione con l’Impresa Ecologica di...

Attualità

In vigore fino al 30 settembre 2024 l’ordinanza “antibivacco” nel Centro Storico di Ragusa. Lo annuncia il Sindaco, Peppe Cassì, il quale sottolinea come...

Attualità

Controlli serrati da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Modica nel comune di Scicli in vista dell’inizio della stagione primaverile. L’imponente servizio ha...

Attualità

“L’idea di far nascere Ia società Iblea Acque, da chiunque sia venuta, alla luce dei vari problemi di legittimità emersi nel suo anno di...

Testata giornalistica Canale 74 iscritta al n. 7/93 del Tribunale di Ragusa
Direttore responsabile: Davide Allocca
Direttore di rete: Dott. Massimiliano Casto
Indirizzo: S.S. 115 Km 339.500 - 97015 Modica (RG) - Email: redazione.canale74@gmail.com

Copyright © 2022 Canale 74. Powered by DafaSystem.